World AIDS Day

AIDS ribbon

Ok… un’altra giornata “storta” per me… ma come si fa? Quando leggo queste cose mi “incazzo come una forbicetta” (tanto per citare il buon Enrico C.):

12:46 Papa Benedetto XVI: “Contro l’Aids castità e fedeltà” (http://www.repubblica.it/2005/l/dirette/sezioni/esteri/aidsmondo/aidsmondo/index.html)

Funzionano bene le strategie per la prevenzione dell’Aids basate “sulla continenza, la promozione della fedeltà nel matrimonio, l’importanza della vita familiare, l’educazione, l’assistenza ai poveri”. E’ quanto ha affermato oggi il Papa in occasione della giornata mondiale di lotta contro l’Aids. “In questo contesto – ha spiegato ancora il Pontefice – la Chiesa Cattolica offre la sua cooperazione ovunque possa dare assistenza”.

“Contro la malattia funzionano continenza e fedeltà”
Ma che caz…!…Come se un feto infetto avesse già avuto rapporti sessuali promisqui!!!

Un pensiero su “World AIDS Day

  1. Come puoi pretendere “intelligenza” da una istituzione che dovrebbe ampiamente contestare la società in cui ci troviamo a vivere, e che invece “sordamente” se ne va a braccetto con i potenti di turno (quando lei stessa non dispone direttamente dei potenti di turno..)?

    Mi meraviglio di come nella sua ottusità “religiosa” ancora si riconoscano così tanti credenti (o sono tutti credenti NON osservanti??)

    nel libro di Polillo sul Jazz si fa una attenta analisi delle origini, e anche nello specifico caso degli schiavi americani, chiaramente, sebbene permettergli di professare la fede potesse in teoria rappresentare uno stimolo alla ribellione, nei fatti i “padroni” constatarono che era un incentivo potentissimo a renderli mansueti!

    ovvio che uno spirito puro potrebbe sentirsi offeso dalle mie parole (ma come diceva un saggio: chi ha lo spirito puro scagli pure la sua pietra! :D)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *