Lezioni di ballo

dopo la necessaria autorizzazione ottenuta dalle protagoniste, HM fiera propone la prima lezione di ballo folk marchigiano, tenutasi in quel di Montelago (ormai Colfiorito) poche settimane fa..
ci auguriamo presto di poter postare una seconda lezione con ulteriori passi..

invitiamo anche insegnante e allieva a lasciare un loro commento, utile a invogliare potenziali nuovi ballerini!!

Spagna.. appunti di viaggio

Le tappe

Note sparse

Barcellona merita sempre una visita, l’hotel (hostal) era niente di che, con passeggiatrici non invasive a ogni ora del giorno e della notte, ma a 2 passi dalla Rambla. Da segnalare una Fontana Magica kitch come pochi, ma in ogni caso imperdibile!

dopo 3 giorni in città, partire verso meta ignota è qualcosa di affascinante: Loarre è un posto magico, con un castello piazzato intorno a mille metri di altezza dai sapori carolingi (la Francia è a due passi), una vista mozzafiato sulla vallata che si estende per decine di km e un camping che appena posso torno a visitare: il churrasco e’ squisito e le maestranze simpatiche e disponibili (cosa in effetti rara! buona parte del resto degli spagnoli con cui abbiamo avuto contatti di “servizio” si e’ dimostrata ben poco servizievole..).

bravo Luca: ottima scelta per la prima tappa del nostro tour di spagna in carrozza a motore.

aimè i giorni sono pochi e non possiamo restare un secondo giorno in questo posto che promette relax: via verso i Mallos de Riglos, giganti buoni che si ergono non troppo lontano da Loarre, ma non prima di aver fatto un’ottima colazione con caffè e latte (qua i cappuccini non li sanno proprio fare, e si apprezza l’onesta’ di chi non li offre) e non so quante paste a testa prese dal locale “forno regina” (Luca, ricordi come si chiamava il paesino??).

sui Mallos passiamo un buon paio d’ore, ammirandone la maestosita’ e i pazzi che li arrampicavano, poi di nuovo in carrozza, alla volta di Las Bardenas, posto dimenticato da dio, ma non dai militari.. nuovamente Luc ha colto nel segno.. seguendo le poche indicazioni, dopo un po’ di strada in mezzo al nulla si apre un panorama mozzafiato, che sembra uscito da uno di quei film tra indiani e cavalleria americana.. cazzutissimo.. Las Bardenas è mozzafiato, ma lascio il racconto a Luca o a qualche foto..

tirata fino alla costa nord della Spagna.. poco dopo Bilbao troviamo da dormire: in modo piuttosto fortunoso ci offrono un 3×2.. la notte passa tranquilla.. al mattino puzzo di frittura e colazione continentale.. via verso La Cantabria.

Luc fa centro di nuovo.. lasciati i Paesi Baschi alle spalle la sera prima (abbiamo visto poco, ma quel poco non prometteva nulla di buono.. chissà..), la giornata la inauguriamo a piedi nudi su una spiaggia stupenda della Cantabria.. posto veramente magico.. questa volta con uno spiccato sapore Celtico (e con tanto di cornamuse alla radio!). Devo ritornare per qualche giorno in Cantabria prima possibile, magari dormendo in uno degli splendidi ostelli piazzati nella campagna verdissima con vista mare che abbiamo incontrato..

ma non possiamo.. il tempo limitato ci spinge velocemente verso le Asturie, a caccia di un posto per la notte, e di capire se quel che avevamo visto nelle foto era reale.. nel mezzo assistiamo a una processione in un villaggio, al suono della pipe band locale, e ci mangiamo dei bocadillos che stare a digiuno forse era meglio.. ma la fame e’ fame.. Luca trova un punto panoramico mozzafiato da cui la Spagna sembra in realtà la costa alta di una verdissima Irlanda (o almeno dell’idea che ho di Irlanda).. stupendo.. a parte i freak che hanno trasformato il mirador in un cesso all’aria aperta.

le Asturie sembrano al gran completo, ci convinciamo ad anticipare di un giorno l’arrivo a Leon, Elena ci conferma questa possibilita’ e il gioco e’ fatto: dopo un vero bocadillo in una taverna cazzutissima a 35 km da Leon, Luca offre una nuova prova di “pazzia” positiva, riuscendo a sgamare casa Parra-Cennerelli semplicemente dai ricordi di una foto vista mesi prima.. allucinante, ma vero!

fino a qui un gran spettacolo.. ora inizia la parte “familiare”, incontriamo Elena e Pablo, Paola e Barbara, Carlos, Pepe, Isa e Tolin.. atmosfera ospitale e strana creata dal mix di italiano e spagnolo che ci circonda.. Leon merita di essere vista, con la sua cattedrale stupenda, le vie tranquille, le Tapas che NON vanno richieste, pena insulti in lingua locale! (te le offrono in automatico)

ah! e la sera c’e’ vita a Leon, anche se noi abbiamo beccato il periodo fiacco di ferragosto, in cui tutti stanno fuori città

a proposito di Ferragosto, lo passiamo in un altro posto stupendo, Las Medulas.. un montagna disintegrata dai Romani con una tecnica chiamata appunto “ruina montis” per potersi impadronire dei minerali di cui era ricca.. una luce arancione marziana, dei castagni di dimensioni impressionanti e una vista mozzafiato sono le note salienti, oltre a Dedos Bea e Rachetta che si sono uniti al gruppo turistico portato in giro dal Parra-Wagon..

aime’ tutto passa, i Parra Martinez ci offrono un’ultima cena a casa loro davvero speciale, e il 16 si parte per l’ultima tappa: Madrid

da ricordare anche la cena della sera prima nella cueva del cure!!

a Madrid il Marlasca è veramente kitch per quanto accogliente e centralissimo: merita ritornarci quando si ripassa da qui.. ma non credo sara’ presto per me: Madrid è metropoli nel vero senso della parola.. non aggiungo altro..

prossima volta in spagna? ovviamente Zamora per la settimana santa!

La stima del maiale

La stima del maiale

Foto originale di Mauro Mazziero, dove l’accostamento tra i manifesti ed li porco (con rispetto per l’animale, tale per natura) credo riassuma il concetto del V-Day.

N.B.: Vi sono ancora spazi disponibili…